MALVAGIA DIS-UMANITA’…

In seguito all’avvenimento criminoso, disumano, avvenuto a Manduria, dove il 23 Aprile 2019 è deceduto il pensionato 65 enne Antonio Cosimo Stano, dopo essere stato picchiato e bullizzato da una baby gang,  l’Osservatore Dairaghese ha creduto opportuno pubblicare lo scritto già postato su Facebook in data 1 Maggio 2019, dalla nostra collaboratrice, nonché cittadina dairaghese Augusta Elena Del Corso, particolarmente sensibile nei confronti dei più deboli (da anni inserita nel gruppo Caritas dairaghese con incarichi di responsabilità) e avendo ricoperto in Amministrazione Comunale dal 2006 al 2011 l’incarico di Consigliere delegato alle Pari opportunità’ e Presidente di Commissione “Servizi alla persona” sperando di contribuire allo sdegno dei cittadini dairaghesi nei riguardi di un fatto così inconcepibile.

E’ vergognoso aver permesso ad un branco assetato di violenza immotivata, di torturare fino alla morte un fragile essere umano, un UOMO SOLO, indifeso che pure gridava: “sono solo!”. Quanto dolore! Quanta miseria umana in quel grido!

Sono solo! Solo in un paese che sapeva, vedeva, ascoltava, compreso chi ha il dovere di proteggerci e non ha voluto soccorrerlo. Tutti sono complici e responsabili di questo tremendo, incredibile crimine che grida vergogna e giustizia al cospetto di Dio e degli uomini. Un uomo, nella sua sacralità di creatura dell’Essere, ucciso tra dolori, bestemmie e sputi. A nessuno è balenato il pensiero che quest’uomo è morto crocifisso? Perpetuando così il Sacrificio del Golgota come avviene ogni giorno in altre parti del mondo. Non andiamo poi a batterci il petto davanti agli altari, non affolliamo le chiese alle feste comandate pensando di avere assolto i nostri doveri. Il nostro dovere è semplicemente amare, senza falsità il prossimo e per i genitori tutti fare in modo di crescere buoni figli e non belve. 

Genitori ma voi dove eravate?

Il nostro mea culpa è tutto impresso e lo sarà sempre nelle azioni di questi giovani che qualcuno ha permesso crescessero così. Il Martire, come Lui, ha già percorso la sua Via Crucis, tra sputi, bestemmie, violenza, riducendolo ad un “Crocifisso del terzo millennio”. Tocca a noi, ora dal primo all’ultimo, criminali, genitori, cittadini, autorità informate, percorrere la nostra Via Crucis perché le nostre coscienze non ci daranno più tregua…

DEDICATA…

MALVAGIA DIS-UMANITA’

di Augusta Elena Del Corso

C’era una volta… L’Umanità…

un uomo solo

un uomo indifeso

un uomo inseguito

da un branco di belve

un uomo ferito

violata la sua dignità.

Solo, povero uomo solo,

fragile relitto abbandonato

travolto dai marosi della violenza

e dell’indifferenza.

Non posso non piangere per te

chè uomo sei pur come me,

piango su tutto l’amore che muore

in questo mondo violento.

Dio, Testimone D’amore

torna ancora a punirci

per questa Umanità

ferita,

calpestata,

vilipesa,

crocifissa,

in un uomo lasciato 

SOLO

e poi perché?

 

“Umana cosa è l’aver compassione degli afflitti” (Giovanni Boccaccio)

Augusta Elena Del Corso

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...