9 NOVEMBRE 1989: LA CADUTA DEL MURO DI BERLINO….

Vogliamo ricordare questa data che a molte persone può’ significare nulla.

La data ricorda la Caduta del muro di Berlino costruito nel 1961 per impedire ai tedeschi dell’Est, (sotto la dominazione della Russia Sovietica Comunista), di fuggire all’Ovest (dove c’era la libertà’).

Ricordiamo le numerose persone che sono morte nell’attraversare quel muro per andare a respirare la libertà’ dell’Europa Occidentale.

Il muro ci ricorda la divisione dell’Europa, alla fine della seconda guerra mondiale, tra il blocco comunista rappresentato dall’Unione Sovietica di Stalin ed il mondo occidentale – libero- rappresentato dalla Francia, dall’Inghilterra ed altre nazioni come l’Italia che alla fine della guerra scelsero, per fortuna, di stare dalla parte dell’alleato americano, grazie anche alla lungimiranza di quel grande leader che fu Alcide De Gasperi e del suo partito: la Democrazia Cristiana.

Ci sono ancora viventi a Dairago persone che al tempo dell’esistenza dell’URSS (prima del 9 Novembre 1989) inneggiavano al sistema ed alla qualità’ della vita dei paesi situati al di la’ del muro e posti sotto il dominio sovietico (come la Romania, la Bulgaria, l’Ungheria, l’URSS, la Germania dell’Est e la Polonia per citarne alcuni).

La realtà’, il cosiddetto SOCIALISMO REALE scoperto dopo la caduta del Muro di Berlino, si e’ rivelata molto diversa da quanto raccontato da coloro che erano offuscati dalla propaganda politica.

Una realtà’ fatta di miseria, di lunghe code per comperare ad esempio una banana, di case alle quali veniva sospesa l’erogazione dell’ elettricità’ per poterla vendere all’estero in cambio di soldi o altri mezzi di sostentamento.

I nostri padri, ma non solo, hanno scoperto tutto ciò’ o direttamente dalla viva voce di coloro che sono giunti da noi per lavorare o attraverso i filmati, gli scritti (es. Arcipelago Gulag, ecc.).

Il Comunismo in Europa , laddove si e’ imposto con la forza e non con la democrazia, ( es. quest’anno ricorre il 60esimo Anniversario della rivolta di operai e studenti ungheresi repressa con i carri armati dell’Unione Sovietica),si e’ dimostrato alla stregua del fascismo e del nazismo perché’ non ha rispettato i diritti dell’uomo.

Ed infatti e’ crollato di fronte al grande anelito di LIBERTA’.

Auguriamoci che mai più’ il totalitarismo prenda il potere in nessuna parte del mondo calpesti la dignità’, la libertà’ e i diritti degli esseri umani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...