PIAZZA FRANCESCO DELLA CROCE…TRA DUBBI…BUCHI E OMBRE…PRIMA PARTE…

L’Osservatore Dairaghese vuole fare chiarezza riguardo l’articolo comparso su un giornale locale dal titolo: Eccovi la nuova piazza” sottotitolo: “Dopo vent’anni al posto della “buca” ora c’è un parco giochi”

Visto che il giornalista che ha scritto il pezzo, non si è nemmeno degnato di interpellare chi di questa Piazza Francesco Della Croce di Dairago ne conosce veramente la storia e come si sono svolti i fatti, ha riportato solo quello che ha riferito il Sindaco Rolfi. Così facendo sono state scritte un sacco di cose non vere e l’articolo risulta completamente falsato, privo di fondamento e irreale.

L’Osservatore Dairaghese vuole subito chiarire che se per il Sindaco Rolfi avere sistemato un pezzo di pavimentazione e quattro giochi, ha reso “Nuova” una piazza di circa 9000 mq. e tutto ciò in quattro anni di amministrazione, allora siamo veramente alla frutta.

Facciamo presente che per chiudere “Il buco” come lo chiama il Sindaco Rolfiche era già stato chiuso, la sua amministrazione ha speso denaro dei cittadini dairaghesi per circa 95.000 Euro, per poi costruirci sopra un parco giochi. E comunque “Il buco” c’è ancora nascosto sotto il pavimento dei giochi!!! (puntualizziamo che il parco giochi che si vede nella foto dell’articolo in questione, era già esistente perché costruito dalla precente Amministrazione).

Leggiamo: “La storia di Piazza Francesco Della Croce estesa su 9.000 mq. ……inizia insieme a quella delle palazzine che la separano dalla via Damiano Chiesa. Entrambe sorsero laddove era un’ex area industriale demolita, ma se le palazzine vennero ultimate in breve, la piazza divenne invece una eterna incompiuta”

Quello riportato dall’articolo non corrisponde alla verità!!!

L’area su cui si sviluppa “la Piazza” risulta composta da due parti: una prima acquistata a suon di quattrini dall’Amministrazione di allora perché area di proprietà privata libera da qualsiasi costruzione e destinata dal PRG a standard pubblico, la seconda area occupata da una ex fabbrica tessile acquisita gratuitamente da parte del Comune a seguito della costruzione delle palazzine esistenti. La prima parte venne acquisita negli anni ’90 mentre la seconda negli anni tra il 2001 e il 2006.

Poi l’affermazione “….le palazzine vennero ultimate in breve…” Provate a chiederlo a coloro che vi abitano!!! Intervenne perfino “Striscia la Notizia” a suo tempo!!!

Evidentemente il giornalista non sapeva niente di tutto questo, o è stato male informato!!!

Leggiamo: “Erano gli anni ’90 e mentre una parte veniva destinata al Mercato, un concorso di idee bandito dal Comune, si concluse con l’indicazione di farne una Casa delle Associazioni.

Questa parte dell’articolo è confusa e lacunosa.

L’Amministrazione Comunale di fronte ad uno spazio così ampio situato in posizione strategica del paese, decise di indire un concorso di idee. Vinse l’idea di due architetti del Varesotto agli inizi degli anni ‘2000 per la realizzazione di un’area per il Mercato ( primo lotto), un’area a verde fiancheggiata da una pista ciclabile di collegamento tra la via Damiano Chiesa ed il plesso scolastico (secondo lotto) ed un intervento per creare la sede del Gruppo Bandistico e Pro Loco con relativa area cucina e magazzini (sottostanti) ed una parte sovrastante per svago, eventi, ecc. (terzo lotto).

Vennero realizzati i primi due lotti. Nel realizzare il secondo lotto, si ritenne utile edificare anche la parte sottostante (come anticipo del terzo lotto).

Purtroppo negli anni 2008-2016 intervenne il Patto di Stabilità e altre priorità, che impedirono di concludere “Il Buco” e quindi il terzo lotto.

Il mutuo per i lavori di questa parte del secondo lotto doveva essere onorato, perché i lavori eseguiti erano coerenti con il mutuo acceso. Il mutuo si estinguerà nel 2025 o in anticipo se l’Amministrazione Rolfi decidesse di estinguerlo anticipatamente, come già avvenuto in precedenti occasioni.

Il terzo lotto non può essere considerato alla stregua della realizzazione di un semplice seminterrato, altrimenti non potrebbe richiedere la spesa di un milione di Euro come riportato dal giornalista.

CHIARO???

CONTINUA…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...