Archivi categoria: OSSERVATORE DAIRAGHESE VIGILA!!!

ANCHE IL FUTURO…PREVEDONO…

L’Osservatore Dairaghese da buon osservatore vi segnala che a Dairago l’amministrazione comunale è arrivata a prevedere il futuro.

Guardate le parti in evidenza dell’ordinanza riguardante la riapertura della via Branca.

Speriamo che tutti i documenti ufficiali non siano controllati come quello in oggetto, altrimenti siamo stati nelle mani di nessuno per 5 anni con questa allegra amministrazione!!!

IL LUPO PERDE IL PELO…MA NON L’AREA CANI…

L’Amministrazione Rolfi ha deciso di approvare in questi giorni in Giunta, il progetto “Area Cani” con un costo per i cittadini di circa 40.000 Euro.

Diciamo subito che questa operazione (come tante altre durante questa simpatica amministrazione) fatta in questo momento non è REGOLARE!!!

Il legislatore è intervenuto disciplinando le competenze nel periodo intermedio tra la pubblicazione del manifesto di convocazione dei comizi elettorali e l’entrata in carica dei nuovi organi elettivi.

Le amministrazioni possono deliberare atti la cui assenza comporti un danno per l’Ente o si configuri come un inadempimento di fronte a obblighi derivanti da leggi, provvedimenti amministrativi o comunque collegati a vincoli contrattuali.

SONO INVECE ESCLUSI ATTI NON NECESSARI (come l’area cani che “puzza” lontano un miglio di campagna elettorale) CHE POSSANO METTERE I NUOVI AMMINISTRATORI DAVANTI A SITUAZIONI PRECOSTITUITE O DIFFICILMENTE REVOCABILI…(soprattutto aggiungiamo noi se questi atti servano per la campagna elettorale!!!)

L’Osservatore Dairaghese aggiunge che l’area cani non era nemmeno nel programma di “Civica Dairago” e il provvedimento non è mai stato inserito nei vari DUP (Documento Unico di Programmazione) del loro mandato.

MA IMPROVVISAMENTE APPARE NEL MOMENTO ELETTORALE E VIENE APPROVATO FUORI TEMPO MASSIMO!!!

Ma andiamo oltre ed entriamo del dettaglio dei costi di questa area cani. Pubblichiamo di seguito il progetto area cani di un Comune qualsiasi (ne abbiamo analizzati molti e le cifre più o meno si equivalgono) per EVIDENZIARE LO SPERPERO DI DENARO PUBBLICO DELL’AMMINISTRAZIONE DAIRAGHESE:

SARA’ BELLO VIVERE A DAIRAGO…DOPO IL 2021…

MA CHE STRANO…RIAPERTURA DELLA VIA BRANCA…

A Dairago accadono delle cose incredibili!!!

E’ bastato l’articolo dell’Osservatore Dairaghese per quanto riguarda la chiusura della Via Branca, che la stessa in pochi giorni è stata riaperta con una banale scusa dall’amministrazione comunale (vedi ordinanza).

STRANE COINCIDENZE…O SEMPLICEMENTE CAMPAGNA ELETTORALE DI BASSO LIVELLO???

STRADA IMPRATICABILE…PER INAUGURAZIONE…

Come i cittadini sanno, l’amministrazione comunale dairaghese ha portato a termine la Via Branca, con un costo di circa 450.000 Euro quasi completamente coperto dal contributo della Regione Lombardia.

La strada per un lungo periodo, è stata percorribile normalmente fino all’inizio del mese di Agosto, quando sono comparse dal nulla le transenne comunali, che hanno vietato la viabilità senza che nessuno ne sapesse nulla e senza conoscere il motivo di tale restrizione.

Poi l’Osservatore Dairaghese ha scoperto l’arcano: il motivo incomprensibile è che viene vietata la circolazione perché il 12 Settembre ci sarà l’inaugurazione ufficiale da parte del Sindaco di Dairago in pompa magna.

Ora ci chiediamo: ma se la strada era ormai terminata e utilizzata praticamente da mesi c’era il bisogno di vietare la viabilità perché a Settembre ci sarà l’inaugurazione?

OOPPS NON CI AVEVO PENSATO!!!

Ma certo nel mese di Ottobre si terra’ la tornata elettorale per le elezioni comunali perciò è molto più spettacolare inaugurare la strada a Settembre!!!

CAMPAGNA ELETTORALE DI BASSO PROFILO!!!!

ROBA DA MATTI!!!

CAMPAGNA ELETTORALE A DAIRAGO?…QUANDO LO DICO IO!!!…

L’Osservatore Dairaghese rammenta al Sindaco di Dairago, che la legge n.182 del 7 Giugno 1991 dice che la data per lo svolgimento delle elezioni è fissata dal Ministero dell’Interno non oltre il 50esimo giorno precedente quello della votazione.

La legge enuncia inoltre chiaramente che una campagna elettorale non può iniziare prima della pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi elettorali.

Tutto ciò sopra riportato per dire che il volantino distribuito in questi giorni dalla maggioranza dairaghese, contiene chiari riferimenti alla campagna elettorale che non sono accettabili perché a rischio di violazione della legge elettorale.

Inoltre la legge 28/2000 all’articolo 9 stabilisce che è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quella effettuata in forma impersonale ed indispensabile per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni. Il divieto copre ogni forma di comunicazione con qualsiasi tecnica e a qualsiasi scopo.

In parole povere il Sindaco uscente inizia la campagna elettorale a suo piacimento, prima di tutti, in barba alle leggi, mentre le altre liste stanno a guardare in rispetto delle leggi.

TIRATE VOI LE SOMME!!!

LISTA CIVICA…HYBRID…

Per restare a passo con i tempi, a Dairago e’ nata la Lista Civica “Hybrid” “UniAmo Dairago”.

Perché Hybrid vi chiederete?

Perché al suo interno raggruppa i defilati di sinistra e i defilati di destra.

Lo scopo?

Mah. Forse l’intento degli ex sostenitori della Lista Civica di sinistra è quello di fare cadere l’attuale Sindaco che si è ricandidato facendogli mancare una parte delle preferenze, mentre da parte degli ex sostenitori della Lista Civica di destra l’intento è quello di fare rivincere l’attuale Sindaco.

L’essere umano è ben strano…

ACCAM…NEWCO…I GIOCHI SONO FATTI…Seconda Parte…

Proseguiamo il nostro post su Accam/NewCo.

Di seguito pubblichiamo la dichiarazione dell’Assessore Regionale all’ambiente Raffaele Cattaneo: “Smantellare e bonificare l’inceneritore potrebbe costare in tutto circa 20 milioni di Euro e comporterebbe il rischio di responsabilità penali in caso di omessa bonifica”.

L’Assessore chiarisce subito che l’economia circolare prevede anche che quello che non si può recuperare come materia va recuperato come energia.

Tutto Chiaro?

Avete notato che non viene spesa una sola parola sulla salute dei cittadini e il solo interesse dominante sono i soldi?

Riportiamo ora il parere di un Consigliere di Minoranza del Comune di Busto Arsizio: “Analizzando il piano economico e industriale della nuova società, non è riportata alcuna spesa per l’economia circolare per almeno 12 anni. Per tutto questo tempo si andrà avanti quindi solo con l’inceneritore: aumenteranno i RIFIUTI MEDICI e il VAGLIO DEI FANGHI DA BRUCIARE. Quello che è stato detto durante la Commissione è pura propaganda per spacciare il mantenimento in vita di un impianto OBSOLETO e ALTAMENTE INQUINANTE, come green ed ecologicamente corretto”.

Il potenziale debito di Accam ammonta a circa 10 milioni di Euro. Significa che ogni Comune che ha l’1% di quote Accam ha potenzialmente 100mila Euro di debiti.

Quello che l’Osservatore Dairaghese non riesce a capire come mai il Sindaco di Dairago si sia ricordato che esiste il problema Accam solo alla fine del mandato.

Quello che dovrà fare la futura amministrazione dairaghese (che avrebbe dovuto fare anche quella oggi ancora in carica per poco), collaborare con tutti i Comuni in disaccordo con il piano NewCo, Lega Ambiente, i Comitati contro ecc., per mettere in primo piano la salute dei cittadini e non gli interessi e il denaro che in questa storia sembrano l’unica cosa veramente importante.

Per chiudere questo lungo post l’Osservatore Dairaghese vuole riprendere uno stralcio trovato su Facebook che rende perfettamente l’idea a che cosa stiamo andando incontro con la creazione della NewCo: “Andate e applaudite tutti quando avrete sancito il prosieguo dell’attività dell’inceneritore dopo 50 anni, in barba al bene comune ed alla salute dei cittadini…Poi andate a casa e date una carezza ai vostri bambini e ditegli “Anche a questo giro vi abbiamo rovinato il futuro””.