INGIURIE ALL’OSSERVATORE….

LEGGERE QUESTO ARTICOLO PUO’ SERVIRE A TUTTI…..

CASSAZIONE: OFFESE SULLA BACHECA DI FACEBOOK E’ DIFFAMAZIONE AGGRAVATA.

Finalmente anche la Cassazione ha recepito la facilita’ di stare comodamente a casa, celati dietro una tastiera a buttare fango sul prossimo.

Attenzione agli insulti via Facebook, il giudice condanna al risarcimento:

Con sentenza emessa dal Tribunale di Monza in data 2 marzo 2010, si e’ sancito l’obbligo del risarcimento del danno morale soggettivo, o, comunque del danno non patrimoniale sofferti in conseguenza della subita lesione alla reputazione, all’onore e al decoro mediante l’invio di un messaggio per il tramite del social network “Facebook”.

Il Giudice ha condannato l’imputato al pagamento di Euro 15.000. La sentenza e’ interessante perché’ analizza il fenomeno “social network”.

Altra sentenza n. 8328 del 1 marzo 2016 della Cassazione sezione penale riconosce la diffamazione aggravata.

Secondo la Cassazione l’uso della bacheca Facebook integra un’ipotesi di diffamazione aggravata poiché’ ha potenzialmente la capacita’ di raggiungere un numero indeterminato di persone.

Altra sentenza n. 24431/2015 della Cassazione sezione penale riconosce che postare un commento offensivo sulla bacheca di Facebook integra il reato di diffamazione a mezzo stampa.

Quando e’ possibile affermare di essere di fronte al reato di diffamazione online?

A rispondere e’ la POLIZIA POSTALE attraverso la pagina “Una vita da social”, su Facebook:

“In tutte le condotte lesive che si concretizzano attraverso l’utilizzo di frasi, epiteti offensivi o di affermazioni dileggianti, ovvero veri e propri “attacchi alla reputazione altrui”, sono specificatamente disciplinate dagli artt 594 e 595 del C.P. che prevedono la “Penale responsabilità’ per i reati di ingiuria e diffamazione”.

Sappia perciò’ chi offende e chi si associa alle offese personali su Facebook si rende responsabile di un fatto ancora più’ grave poiche’ rese pubbliche e quindi punite dalla legge.

Per esprimere le proprie idee ed opinioni, non e’ necessario ne offendere ingiuriando, ne usare la volgarità’.

Esprimere le proprie idee nel nostro paese, da quello che ne sappiamo, e’ ancora possibile senza essere attaccati con ingiurie, senza un minimo di scambio democratico di pensiero.

Si può’ essere o non essere d’accordo su quello che viene discusso, ma l’educazione non deve mai essere messa sotto i piedi e calpestata. Il permesso di esprimersi in modo corretto, civile e democratico, e’ un diritto civile e non va chiesto a nessuno.

Chi non la pensa come te non e’ un nemico da abbattere, ma forse un territorio da conquistare attraverso la democrazia che significa il rispetto delle altrui idee  e soprattutto delle persone.

BEN VENGA UN RICHIAMO ALL’EDUCAZIONE DA TROPPO TEMPO DIMENTICATA!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...